LA NATURA NON FINISCE MAI DI STUPIRCI: IL VELENO CHE CURA

 

Dalle api un aiuto per la cura di numerose patologie

Veleno1Farmaco, una parola greca. Veleno, questo il suo significato. Un veleno, che può diventare rimedio per la cura del corpo. Ecco, potremmo decidere di partire da qui per raccontare l’inizio della nostra storia: la nascita della prima associazione italiana dedicata all’apiterapia. Ovvero, il trattamento terapeutico di alcune patologie con i prodotti raccolti, elaborati e secreti dalle api: miele, polline, propoli, pappa reale e, appunto, veleno (l’importante, ovviamente, è non essere allergici..).

Apiterapia, perché? Dalle sacre scritture a recenti studi scientifici; dalla medicina ayurvedica alla farmacopea tradizionale. Dall’alimentazione  ad alcune possibili applicazioni estetiche e, soprattutto, terapeutiche: tosse e artrosi, dolori muscolari e ferite, solo per fare qualche esempio. Le api, sono con noi – e per noi – da sempre.

Pensiamo al prodotto d’alveare più diffuso: il miele. Buono da mangiare, certo. Ottimo per la tosse, suggeriscono da sempre le nonne. Eppure.. non solo.

In Europa, come riportato un articolo pubblicato su apicolturaonline.it, ci sono ospedali che utilizzano il miele per trattare grandi ustioni e ulcere e per favorire la cicatrizzazione delle ferite. L’International Wound Journal  ha pubblicato uno studio, citato anche da Benessereblog,  dove sono stati presi in esame pazienti che convivevano con ferite aperte. Bendaggi a base di miele hanno alleviato il dolore, in numerosi casi hanno prodotto dei miglioramenti o la completa guarigione della lesione.

Veleno2Rispetto della natura e qualità – Lo ribadiamo, le api sono con noi da sempre. Basta saperle osservare e studiare. Con la dovuta attenzione. La natura chiede pazienza. E rispetto. Così come l’alveare. L’apiterapia ne utilizza tutti i prodotti, e per far sì che questi non perdano le loro proprietà curative è quindi fondamentale che i produttori si attengano a dei rigidi modi di estrazione: qualsiasi forma di inquinamento, chimico ma anche termico, va evitata.

L’Associazione Italiana Apiterapia vuole mettere a fattor comune conoscenze ed esperienze accademiche, ospedaliere e terapeutiche, per valorizzare e diffonderle; vuole  parlare al medico, al ricercatore e all’apicoltore, divulgando le buone pratiche e contribuendo alla crescita del settore. Ma, più in generale, l’associazione italiana apiterapia ha l’obiettivo di diffondere nella maniera più chiara e ampia possibile una vera e propria api-cultura.

 

 

 

Fonte: Associazione Italiana Apicoltura