DAL POLLINE AL PANE D'API

 

Pane api1

 

Vi siete mai chiesti se c’è un ape Picasso all’interno del vostro alveare, che crea opere d’arte con la sua tavolozza di polline? Durante l’ispezione di un’ arnia spesso si vivono emozioni di gioia e sorpresa alla vista che la parte interna dell’alveare può offrire. Una grande varietà di colori mostrano la diversità di pollini presenti, provenienti dai fiori locali, meticolosamente organizzati nei telaini vicino  alla covata.
La birra può essere stata una scoperta risalente agli albori della civiltà, ma lo sapevate che le api fermentano il polline per fare il pane d’api da oltre un milione di anni ?! Come quando facciamo lo yogurt, la birra o il pane, le api aggiungono miele ed enzimi per consentire ai lieviti naturali di fermentare il polline. Questi enzimi e batteri benefici producono dalla miscela ottenuta una sostanza ricca di proteine .

 

 

Pane api2

Caratteristiche del Pane d’Api
Il pane d’api ha un contenuto di vitamine più elevato, è meno acido e ha minori quantità di polisaccaridi complessi (che sono difficili da digerire) rispetto al polline crudo. Secondo la presente recensione riportata sulla rivista PLoS, questo fatto ha molto affascinato gli scienziati.
Si ritiene che le variazioni nella composizione nutrizionale siano il risultato dell’attività metabolica della microflora presente nel polline immagazzinato. Questa fantastico prodotto è ciò che le api usano per nutrire la loro prole e ciò che noi umani chiamiamo pane d’api.

 

 

 

 

 

 

Fonte: Associazione Italiana Apiterapia