MIELE D’ACACIA

Il miele di acacia è un miele uniflorale che proviene dal nettare raccolto dalle api sui fiori di robinia (o acacia).

Si presenta generalmente liquido e difficilmente raggiunge la cristallizzazione.

È di colore sempre molto chiaro, ha un profumo floreale molto delicato. Al gusto è decisamente dolce con sfumature di confetto, vaniglia, sciroppo zuccherino. 

È indicato  per addolcire bevande e tisane di cui non altera il sapore. Apporta all'organismo calorie prontamente disponibili e risulta un alimento particolarmente indicato per persone che svolgono attività sportiva, ai convalescenti e a chi svolge attività intellettuale.

È molto delicato e si presta a numerosi abbinamenti con gli altri alimenti che tende a valorizzare senza mai sovrastare. 

Suggerimento:

Spalmate del gorgonzola piccante su un crostino di pane ben caldo e lasciateci colare del miele d’acacia. L’abbinamento tra un formaggio dal gusto forte e un miele molto delicato consente di esaltarne i sapori attraverso la ricerca del contrasto.

MIELE DI TIGLIO

Il miele di tiglio è un miele uniflorale che proviene dal nettare raccolto dalle api sui fiori di tiglio.

È di colore giallo con riflessi verdognoli. Presenta un caratteristico profumo marcato mentolato. Al gusto è mentolato e balsamico, con un finale leggermente amarognolo.

È particolarmente indicato per addolcire il latte o le tisane assunte nel corso delle ore serali per le sue proprietà lenitive, rilassanti e concilianti per il sonno.

 

Suggerimento:

La sera prima di coricarsi preparate la vostra tisana, versatela in una tazza e gustatela fumante addolcita col miele di tiglio.

MIELE MILLEFIORI DI ALTA MONTAGNA

Il miele millefiori di alta montagna è un miele che proviene dal nettare raccolto dalle api su una molteplicità di fiori come  rododendro, trifoglio e lampone, presenti sui prati montani che si trovano ad una altitudine di almeno 1450 metri s.l.m. dove la natura è incontaminata.

Ha un colore ambrato. Presenta un caratteristico profumo floreale e fruttato. La presenza di lampone attribuisce una connotazione fruttata. Il sapore è intenso e piacevole al palato. Cristallizza facilmente per l’elevata presenza di glucosio.

Suggerimento:

Nelle fredde serate d’inverno, sorseggiate davanti al camino un Punch addolcito con miele millefiori di alta montagna.

MIELE DI MELATA

Il miele di melata è prodotto dalle api che raccolgono le secrezioni zuccherine presenti sugli alberi.

Ha un colore molto scuro e una consistenza particolarmente densa. È meno dolce dei mieli di nettare e riporta un gusto di malto e caramello.

Ha un potere nutritivo superiore al miele di nettare, grazie anche al maggior contenuto di sali minerali e oligominerali. Il miele di melata è facilmente assimilabile dall’organismo ed è ottimo quando si ha bisogno di nutrienti ed energia immediatamente disponibili, per questo è considerato il miele degli sportivi. È ricco di sostanze antiossidanti che aiutano l’organismo a difendersi dall’invecchiamento. Il miele di melata è un valido integratore naturale di sali minerali e oligominerali.

Suggerimento:

Per cominciare la giornata con la giusta carica di energia provatelo a colazione sulle fette biscottate integrali.

MIELE DI AILANTO

Il Miele di Ailanto è prodotto dalle api che raccolgono il nettare sui fiori di ailanto, una pianta ornamentale e piuttosto infestante.

Ha un colore ambra, un profumo di media intensità e un sapore leggermente fruttato con note di tè alla pesca e uva moscata.

Il miele di ailanto risulta particolarmente avvolgente e si sposa molto bene con i formaggi, con macedonie e gelati con la frutta o alla frutta, riuscendo ad armonizzare anche una varietà di sapori diversi.

Suggerimento:

A fine pasto provate a colarlo sul gelato alla panna con meringa sbriciolata.

MIELE DI TARASSACO

Il miele di Tarassaco proviene dal nettare raccolto dalle api sui fiori di tarassaco che è una pianta erbacea conosciuta anche come cicoria matta, soffione o dente di leone.

Si presenta generalmente cristallizzato con consistenza cremosa e di colore crema o giallo più o meno intenso. È un miele aromatico con odore pungente e sapore piacevole di infuso di camomilla, vaniglia e spezie fresche con una spiccata sensazione di fresco. È un ottimo miele da tavola ricco delle proprietà della pianta da cui deriva: depurativo, drenante e diuretico.

 
Suggerimento:

Per cominciare la giornata con la giusta carica di energia ed aiutare l’organismo ad espellere le tossine accumulate consumatelo a colazione spalmato sulle fette biscottate integrali.

 

 

MIELE MILLEFIORI
Il miele millefiori, è ottenuto dal nettare bottinato sulla molteplicità di fiori presenti sul nostro territorio. Sono i fiori della robinia, del tiglio, dell’ailanto, del rovo e i numerosi fiori che scorgiamo nei nostri prati e giardini, quando clima, diserbanti, potature estreme e falciature non ne compromettono la fioritura.

È il miele che meno richiede l’intervento dell’apicoltore, tuttavia è quello che forse meglio ci consente di assaggiare la nostra terra, trovandone gli aromi in un cucchiaino, per annusarla ed assaporarla come se ne avessimo raccolto infiniti frammenti, li avessimo concentrati in un solo punto per riuscire ad estrarre qualcosa di simile all’essenza del nostro territorio.


Suggerimento:
Provate a gustarlo con un formaggio di produzione locale, potrebbe offrirci la possibilità di affidarsi al cuore nello scegliere un abbinamento che va alla ricerca degli aromi della nostra terra.


 

 

MIELE DI CASTAGNO
Il miele di castagno è prodotto dalle api che raccolgono il nettare sui fiori di castagno. Ha un colore scuro con tonalità rossicce, un odore pungente e un sapore amaro, costituisce un’ottima fonte naturale di proteine, vitamine B e C e di sali minerali.

È un miele che va conosciuto, poiché la sua caratteristica nota amara e animale potrebbe sorprendere un palato impreparato. Si presta a numerosi abbinamenti con cibi salati ma anche con i dolci.


Suggerimento:

Provate a colarlo sul gelato alla panna con meringa sbriciolata. L’abbinamento tra un dolce molto dolce e un miele molto amaro consente di esaltarne i sapori attraverso la ricerca del contrasto. La tradizione toscana, località in cui le nostre api hanno raccolto il nettare, consiglia di gustare il miele di castagno con un pezzo di pecorino e qualche fettina di pera.

 

 


 

 

 

 

 

 

 

 

I nostri contatti

email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

cellulare: 3406326536